http://italianimbecilli.blogspot.com

EDITORIALE TERZA EDIZIONE

Oggi, 19 gennaio 2010, il presidente della Commissione di vigilanza della Rai, Sergio Zavoli, ha detto che la televisione 'è il più grande laboratorio culturale del Paese'. Dobbiamo sottolineare l'importanza di quest'affermazione, anche e soprattutto alla luce del contenuto di questo editoriale che non vuole intervenire direttamente sulle parole di Zavoli (forse faremo un post all'uopo), bensì vuol porre il problema serissimo della propaganda governativa, inoculata attraverso la televisione pubblica, e informare i nostri lettori su come questo blog abbia intenzione di combatterla.

Sappiamo bene che attraverso la televisione passa una sola e precisa gamma di notizie. Questa gamma rappresenta, per la massa, l'intero spettro della propria conoscenza, tutto lo scibile concepibile (uno strano laboratorio culturale, la tv). Esiste però la rete, cioè un'informazione diversa, più veritiera, se non altro più completa e critica. Ma sappiamo anche che, allo stato attuale, la rete è assolutamente perdente nei confronti della televisione, sia per quantità di 'utenti', sia per il consolidato rapporto di complementarietà che esiste tra spettatore e tv (dove lo spettatore medio è sempre posto in un rapporto 'down', subordinato, inconsciamente passivo rispetto alla tv).

Questo blog ha deciso pertanto di bilanciare questa sperequazione di pesi (nei limiti che gli sono proprii), non pubblicando i commenti di quei lettori che dissentono dai nostri post. Questo potrebbe far irritare qualcuno. Di norma, questo 'qualcuno' è abituato a dare per buone tutte le informazioni che passano attraverso la tv e non si pone neppure il problema se quelle informazioni siano vere o false, il suo grado di passività è altissimo di fronte al tubo catodico, ma pressoché nullo quando si trova di fronte a un blog. Allora, a quanti vorranno indignarsi di frontre alla nostra scelta (temporanea? Dipende), poniamo le seguenti domande:
1) Vi siete mai posti il problema della non interattività della tv?
2) Conoscete davvero la sua potenza di persuasione della massa?
3) Avete mai provato a farvi pubblicare in tv un vostro pensiero?
4) Avete provato a telefonare durante un TG per dire 'io non sono d'accordo'?
5) Vi siete mai indignati nello scoprire che la tv opera continuamente censure?
6) Vi siete accorti di essere sottomessi alla tv?
7) Avete trovato o adottato delle soluzioni?

Questa è ormai una battaglia che si compie sul filo dell'informazione, tra internet e la tv. E questo è un blog di informazione e di denuncia sociale. Gli argomenti contenuti e il modo in cui questi vengono trattati sono lontani anni luce dai metodi televisivi e dalle linee editoriali di 'RaiSet'. Pertanto, qui il gioco non è più quello suggerito dal 2.0
Potremmo usare lo stesso metodo degli anchor-men televisivi per dire ai più indignati 'se non vi piace, cambiate canale', ma noi desideriamo che il nostro pubblico più avverso ci leggesse, perché è soprattutto per loro che noi ci impegnamo. D'altra parte, possiamo anche intuire tutti i commenti dissenzienti.

In conclusione, diciamo con la massima serenità che la visibilità di tutti i commenti (salvo quelli offensivi - vedi disclaimer), saranno ripristinati soltanto quando l'informazione televisiva potrà essere definita decente. Sperando che questo accada presto, per il bene di tutti.
Grazie.

PRIMA EDIZIONE
http://freetexthost.com/y5lt0scwmw

SECONDA EDIZIONE
http://freetexthost.com/vz3anijeth
Enjoy the site? All donations are appreciated

Free Text Host is brought to you by Dagon Design
This site contains no adware, spyware, or popups
Questions? Comments?     Privacy Policy     Report abuse here